Gioca Giocatore

Maestro mi sento solo vorrei incontrare qualcuno.

Chi vorresti incontrare sul sentiero?
Un maestro?
Una qualche divinità?
Un extraterrestre?
Una leggiadra fanciulla?
Un baldo cavaliere?
Un paesaggio incantevole?
Io ti dico: incontra te!
Entrando dentro di te troverai tutto questo.
L’incontro con il tutto è proprio lì dentro ad ognuno così
vicino ma così irraggiungibile.
Il canto della natura è il collante che unisce la lega umana
all’universo in un orgasmo di suoni senza fine e principio.
La madre terra attraverso la sua proto-frequenza ci parla ci ispira ci incanta.
Adesso è il tuo turno, è giunta l’ora che ti svegli e cominci a vivere
giocando i talenti che ti sono stati affidati.
Non temere è solo un gioco in cui non ci sono né vinti né vincitori, ma dal quale non ti puoi esimere, esso fa parte di te.
Arrenditi quindi all’evidenza rilassati e goditi la partita.

prefazione alla silloge “Oltre” [acquista]

Uomini poesia contenuta nel libro Squarci di Vipal Antonio Gianfranco Gualdi
LEGGI ALTRE POESIE: dal libro “Squarci”dal libro “Oltre”ineditevideo-poesiepoesie calligrafiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code